Suoni Riflessi 2022 – Programma Previsto

Suoni Riflessi
Dal 1 ottobre al 26 novembre 2022
Firenze – vari luoghi

Guardando il programma di Suoni riflessi 2022, sono subito evidenti i tantissimi legami, le connessioni, la sinergia tra i concerti che vengono avvolti da linee comuni e concatenazioni d’idee rendendo il Festival un “geniale guazzabuglio” – come fu definito dalla stampa qualche anno fa.
Musica, arti ed espressioni diverse, solisti internazionali, giovani promesse, creatività contemporanea, autori consacrati, divertimento, indagine musicologica, generazioni a confronto e altro ancora, il tutto unito in uno spazio culturale e emozionale di grandissimo livello qualitativo e formativo.
Questo ha decretato il successo del Festival negli anni. Questo è ciò che da sempre ha interessato e attratto un pubblico nuovo e di affezionati, di giovani e di esperti. 

L’Arte è “un dialogo fra generazioni” ha detto Mac Ewan: qui la Musica di ieri e di oggi dialoga con tutto e con tutti.

 

Sabato 1 ottobre ore 18.00 –  Sala Vanni
Concerto di presentazione di Suoni Riflessi 2022
festa dei 20 anni di attività
Illustrazione del programma da parte del Direttore Artistico
Concerto di Samuele Telari, fisarmonica
(Musiche di Mozart, Sciarrino, Scarlatti, Grieg, Cardini, Paganini)

E’ la festa per il raggiungimento dei 20 anni di attività e la illustrazione del programma a cura del Direttore Artistico e della Autorità Cittadine. Il concerto è la silloge del Festival: un giovane musicista ormai affermatissimo, uno strumento popolare – la fisarmonica – prestato sorprendentemente alla musica colta.

Ingresso a pagamento

 

Quatto concerti dedicati a Bach e alla sua influenza sui compositori di oggi


Sabato 8 ottobre ore 18.00 – Sala Vanni
Bach e il Collegium musicum
Mario Ancillotti, flauto – Eleonora Sofia Podestà, violino – Gabriele Micheli, clavicembalo
J.S.Bach, Suite n° 2 in si min per fl e archi BWV 1067
G.Sollima, Contrafactus
J.S.Bach, V Concerto Brandeburghese BWV 1050

Le musiche di corte – fra le più note del grande compositore – a confronto con la stupefacente creatività di Sollima, compositore fra i più trasversali.

 

Domenica 9 ottobre ore 11.00 –  Sala Vanni
Bach tra Ars e Scientia
Mario Ancillotti, flauto –  Matilde Urbani, violino – Gabriele Micheli, clavicembalo  – Lorenzo Cosi, violoncello
J.S.Bach, Canoni diversi dall’Offerta Musicale BWV 1079
D’Amico, Triobach per flauto, violino, violoncello, clavicembalo
J.S.Bach, Contrapuncta dall’Arte della Fuga BWV 1080
Pennisi , Lipsia per flauto, violino, violoncello, clavicembalo
J.S.Bach, Triosonata dall’Offerta Musicale BWV 1079

Le creazioni più intellettuali e teoriche bachiane dell’ultimo periodo “metafisico” fra cui la splendida Sonata dedicata a Federico il Grande. All’interno due brani dichiaratamente dedicati a Bach scritti  appositamente per Mario Ancillotti alcuni anni fa.

Ingresso a pagamento

 

Sabato 15 ottobre ore 18.00 –  Sala Vanni
Bach e le Variazioni
Andrea Bacchetti, pianoforte
J.S.Bach, Aria variata alla maniera italiana BWV 989
Berio, Brin – Wasserklavier
J.S.Bach, Variazioni Goldberg BWV 988

Uno sguardo ammirato alla capacità di Bach di creare variazioni infinite insieme all’omaggio sotterraneo di Berio per il Cantor. Esecutore eccezionale il pianista che fu scoperto ed esortato dallo stesso Berio, da quando aveva 16 anni: Andrea Bacchetti.

Ingresso a pagamento

 

Domenica 16 ottobre ore 11.00 – Sala Vanni
Bach  – Soli Deo Gloria
Giulia Peri, soprano – Paolo Pollastri, oboe – Mario Ancillotti, direttore
J.S.Bach, Cantata Ich bin vergnügt mit meinem Glücke BWV 84
Pezzati, Notturno per soprano, oboe, tre archi
J.S.Bach, Cantata Mein Herze schwimmt in Blut BWV 199

L’omaggio più fervente al genio bachiano attraverso le sue creazioni più significative, quelle sacre che settimanalmente aveva l’incarico di scrivere, le cantate. L’accostamento con il brano di Pezzati accomuna la sacralità dei testi e del gesto artistico fra Bach e il maggior seguace di Dallapiccola.

Ingresso a pagamento


  

Sabato 22 ottobre ore 18.00 – Sala Vanni
Svelare la Musica
Incontro con Sonia Bergamasco, Fabrizio De Rossi Re, Mario Ancillotti
Esempi musicali, confronti, colloqui

L’attrice nastro d’argento Sonia Bergamasco e il compositore Fabrizio De Rossi Re, spiegheranno – attraverso la narrazione ed esempi musicali – la genesi dello spettacolo Il Quaderno di Sonia  in un incontro formativo con il pubblico. La lettura di alcuni testi di Sonia e l’esecuzione delle musiche di Fabrizio sveleranno i segreti della creazione artistica, musicale e drammaturgica.

Ingresso a pagamento

 

Domenica 23 ottobre ore 11.00 – Sala Vanni
Il Quaderno di Sonia
Sonia Bergamasco, voce – Fabrizio De Rossi Re, pianoforte, voce e melodica – Fabio Battistelli, clarinetto
Testi di Sonia Bergamasco – Musiche di Fabrizio De Rossi Re

Il diario poetico della poliedrica attrice e musicista Sonia Bergamasco si veste delle musiche del compositore e Fabrizio De Rossi Re, per dar vita ad un viaggio in cui le parole si vestono di musica moltiplicando evocazioni, trasformazioni e trasfigurazioni.

Ingresso a pagamento

 

Sabato 29  ottobre ore 18.00 – Sala Vanni
Suoni Riflessi Giovani
Strumenti ermafroditi
musiche di Mozart, Brahms, Boccadoro
Lorenzo Filippa, clarinetto; violoncello, Riccardo Baldizzi; Vittorio Benaglia viola, Alessandro Lunghi, pianoforte

Un concerto che mostra gli strumenti con voci ampie: clarinetto, viola, violoncello. Né maschili né femminili, ispirano una musica malinconica e dolce. Il confronto con la creatività contemporanea conferisce un interesse ancora maggiore al programma.

Ingresso a pagamento

 

Domenica 30 ottobre ore 11.00 sala Vanni
Suoni Riflessi Giovani
Omaggio a Pierpaolo Pasolini
Musiche di Bach, Mozart, Bussotti
Quartetto Alioth con Alessandro Garbin, attore.
Matilde Urbani, violino – Clara La Licata, soprano – Sofia Ferrara, flauto – Anna Avilia, viola

Nel centenario della nascita del grande poeta e regista, un meraviglioso gruppo di giovani, presenta uno spettacolo che fonde la musica più amata da Pasolini – presente anche nei suoi film – a letture di suoi scritti e delle sue poesie, in una evocativa unione d’arti.

Ingresso a pagamento

  

Sabato 5 novembre ore 18.00 – Sala Vanni
Svelare la Musica
Incontro con Alberto Batisti, Matteo Fossi, Silvia Tocchini
Esempi musicali, confronti, colloqui

 L’incontro è particolarmente utile per mostrare come la musica si sia declinata anche nelle maniere più dissacranti: divertimento, sberleffo, sorpresa. Tutto condito dalla splendida abilità di Alberto Batisti – un musicologo vivace e coltissimo nonché grande affabulatore –  coadiuvato dagli interpreti Silvia Tocchini e Matteo Fossi.

Ingresso a pagamento

 

Domenica 6  novembre ore 11.00 – Sala Vanni
E lasciatemi divertire!
Alberto Batisti, musicologo – Silvia Tocchini, soprano- Matteo Fossi, pianoforte
Musiche di Satie, Bernstein, Cage, Strawinsky, Berberian, Anderson

L’appuntamento più divertente del Festival! Il programma è stato pensato per sorprendere con le musiche più eccentriche e dissacranti: da Satie e Bernstein, fino a Cage (4,33), Berberian e Anderson con la musica per macchina da scrivere. Il titolo del concerto è tratto da una famosa poesia di Aldo Palazzeschi.

Ingresso a pagamento

 

Sabato 12 novembre ore 18.00 – Sala Vanni
Suoni Riflessi Giovani
Incontro di quartetti
Quartetto Shaborùz e Quartetto Rinaldo (in collaborazione con l’Istituto Franci di Siena)
musiche di Mendelssohn, Beethoven Shostakovich

ingresso a pagamento

 

Domenica 13 novembre ore 11.00 – Sala Vanni
Suoni Riflessi Giovani
generazioni a confronto
Carlotta Maestrini, pianoforte – Giovanni Sollima, violoncello
Musiche di Chopin, Debussy, Mendelssohn

Generazioni a confronto in questa bellissima matinée che affianca una giovanissima pianista di soli 16 anni e una star del palcoscenico come Giovanni Sollima al violoncello. Ampio spazio alla creatività della giovanissima interprete, e l’abbraccio ideale con il grande solista nella seconda parte del concerto.

Ingresso a pagamento

 

Sabato 19 novembre ore 18.00 – Sala Vanni
Svelare la Musica
Incontro con Ilaria Baldaccini, Piero Meucci, Mario Ancillotti
Esempi musicali, confronti, colloqui

Illustrazione con esempi musicali e letture di testi per scoprire e decifrare al meglio il programma più difficile della stagione: Firenze “centro di cultura e di avvenire” . L’incontro di formazione del pubblico per capire come si declina musicalmente il periodo più fervente della Firenze del dopoguerra unito alle musiche ai testi significativi di quella temperie.

Ingresso a pagamento

 

Domenica 20 novembre ore 11.00 – Sala Vanni
Firenze “centro di cultura e di avvenire”
Ilaria Baldaccini, pianoforte – Nome in via di definizione, attore
Musiche di Schoenberg, Dallapiccola, Lupi, Messiaen, Britten, Bussotti,
Testi a cura di Piero Meucci

Firenze fu nel dopoguerra una fucina di ispirazioni sociali, artistiche, spirituali, animata da personaggi indimenticabili come La Pira, Balducci, Luzi, Michelucci, Turoldo, Don Milani e per la musica Dallapiccola, Lupi e molti altri. Attraverso le musiche e i testi di questi personaggi, rivive il fervore spirituale di allora. Le scelte dei testi sono affidate al giornalista Piero Meucci e le letture ad un attore di grande richiamo da definire.

 

Giovedi 24 novembre ore 10.00 – Auditorium di via Folco Portinari Fondazione CR Firenze
Venerdì 25 novembre ore 10.00 – Auditorium di via Folco Portinari Fondazione CR Firenze
 “Concorso Internazionale di Interpretazione Musicale Marcello Pontillo – Firenze”
Eliminatorie da parte della Giuria
Giuria: Alessandro Solbiati, Gabor Meszaros, Eva Bindere, Mario Ancillotti, Matteo Fossi.
Si esibiscono i musicisti selezionati.

Numero 30 Esecutori selezionati dalla Direzione del Concorso tra i partecipanti al concorso si esibiranno in un programma ideato e scelto da loro stessi. La giuria internazionale voterà non solo la bravura tecnica dei musicisti, ma anche la coerenza e l’intelligenza del programma da loro presentato, fino a selezionare, nell’arco delle due serate, una terna di finalisti.

Ingresso libero

 

Sabato 26 novembre ore 18.00 – Auditorium di via Folco Portinari Fondazione CR Firenze
“Concorso Internazionale di Interpretazione Musicale – Marcello Pontillo – Firenze”
Giudizio finale del pubblico degli abbonati sulla terna dei finalisti

Finale della terza edizione del “Concorso Internazionale di Interpretazione Musicale – Firenze”.  I tre musicisti finalisti individuati dalla giuria internazionale, si esibiranno di fronte al pubblico. Il vincitore sarà decretato dal pubblico stesso – limitatamente agli abbonati al Festival.  escludendo coloro che presenziano alla sola manifestazione finale. Il giudizio sarà indirizzato ovviamente alla qualità tecnica, ma anche alla capacità comunicativa. Tutto è definito da un regolamento puntuale.

Ingresso a pagamento